DATI TECNICI

Härtedifferenz

1. Differenza di durezza: HHEICO > HMateriale

  • La durezza della superficie delle rondelle di fissaggio a cunei HEICO-LOCK® è superiore a quella della viteria ad alto grado di resistenza (8.8, 10.9,12.9)

HEICO-LOCK® Tabella durezze

Materiale Durezza
Acciaio (1.1191)
(temprato in profondità, rivestito con lamelle di zinco)
485 ±25 HV0.3
Acciaio inossidabile A4 (1.4404)
(superficie indurita)
> 520 HV0.05
Acciaio inossidabile 254 SMO® (1.4547)
(superficie indurita)
> 520 HV0.05
Winkeldifferenz

2. Differenza di angoli: α > β

  • L’angolo dei cunei (α) tra le due rondelle di fissaggio a cunei HEICO-LOCK® è maggiore rispetto al passo (β) del filetto del bullone
  • Questa differenza fa sì che l‘espansione tra le rondelle di fissaggio a cunei HEICO-LOCK® sia maggiore rispetto al possibile movimento longitudinale del bullone lungo la filettatura
Reibungsdifferenz

3. Differenza di attrito: μa > μi

  • Le superfici a cunei hanno un coefficiente di attrito (μi) notevolmente più basso delle superfici dentellate esterne del rondelle (μa)
  • Qualsiasi tentativo di rotazione dovuta a stress dinamico causa un movimento soltanto tra le due superfici a cunei delle rondelle
Vorspannungsdifferenz

4. Differenza di precarico: Fdyn > Fstat

  • L’espansione tra le rondelle di fissaggio HEICO-LOCK® dovuta al tentativo di rotazione porta a un aumento nella forza di serraggio
  • Questo porta a un aumento del precarico nella giunzione, rispetto a quando si trova in fase statica, e quindi fa sì che il bullone diventi autobloccante.
KSS Langloch

5. Rondelle di fissaggio a cunei HEICO-LOCK® a fascia larga

Le rondelle di fissaggio a cunei HEICO-LOCK® a fascia larga sono raccomandate, in abbinamento a dadi o bulloni flangiati, per l’utilizzo su fori larghi/asolati e su superfici verniciate o materiali morbidi, come p.e. l’alluminio, in modo da garantire una migliore distribuzione del carico sulla rondella.